“LA SCLEROTERAPIA”

Trattamento dell'insufficienza venosa cronica degli arti inferiori Iniezione sostanza sclerosante
La scleroterapia è una procedura medica utilizzata per il trattamento dell' insufficienza venosa cronica degli arti inferiori. I quadri clinici per i quali è indicata sono le varici e le teleangectasie ( capillari ). La seduta di scleroterapia consiste nell'iniettare all'interno del vaso una dose di soluzione sclerosante al fine di provocarne la chiusura. Prima, tuttavia, occorre una analisi della storia della paziente e una valutazione clinico-strumentale ( eco color doppler) del sistema venoso della stessa. Per poter apprezzare i risultati della scleroterapia occorre attendere un periodo di tempo variabile da alcune settimane a un paio di mesi. Prima di iniettare la sostanza sclerosante si deve detergere la zona da trattare, quindi si praticano le iniezioni con un ago molto sottile, ideale per qualsiasi vaso da trattare anche il più piccolo. La soluzione agisce chiudendo il vaso e causandone prima il collasso e poi la scomparsa. La circolazione sanguigna non risente di tali modificazioni, perchè il sangue imbocca vie alternative svolgendo normalmente le sue funzioni. Dopo ogni seduta si applica un bendaggio elasto-compressivo nella zona trattata per un periodo di 24-36 ore. Successivamente è opportuno utilizzare calze elasto-compressive potendo tranquillamente tornare alle normali attività quotidiane.  confronti

AREE DI INTERVENTO

L'angiologia si occupa di diagnosi, terapia e riabilitazione delle patologie delle arterie e delle vene.

Aneurismi
Aterosclerosi
Dissecazioni
Trombosi
Embolie

Patologie dei vasi venosi:

Vene varicose
Insufficienza venosa cronica
Trombosi venose
I vasi linfatici sono invece colpiti da casi di linfedema primitivo o secondario

Pubblicazioni scientifiche:



LA MIA POSTA

  • Domanda:
    Spalla destra con limitazione articolarea 90 gradi di abduzione segni di neer e jobe dolore alla pressione in sede sotto acromiale su area loggia bicipitale,
    ho fatto 6 tecar ,10 sedute di fisoterapia ,3 onde d'urto e ora che ho finito ho più male di prima,anzi ho pure dolore lombare dove ho un ernia discale,sono demoralizzata

    mi hanno detto di mettere anche argilla verde impacco x disinfiammare ,dimenticavo in questi giorni anche forte cervicalela terapia che mi è stata data lo fatta tutta nel giro di 2 settimana,il problema che si  ho un po' più di mobilizzazione sicuramente anche se faccio fatica a mettere il braccio dietro la schiena ,ma ho ancora dolore ,in più mi è venuto non so se per esercizi o cosa anche un dolore lombare,soffro anche di ernia discale,non saprei che altro dire...quindi vorrei anche un parere per cervicale dopo molte terapie torna con forti mal di testa :(
  • Risposta:
    Una spalla che ha limitazioni funzionali vuol dire che c'è sicuramente qualcosa che non va e deve essere identificato al più presto. Le patologie possono essere tante e per adoperarsi in una discriminazione è necessario effettuare una visita specialistica (Chirurgo della Spalla) in modo che si arrivi ad una corretta diagnosi e, quindi, ad una specifica terapia. In casi piuttosto importanti è necessario effettuare infiltrazioni o, addirittura, anche l'intervento chirurgico per via artroscopica.
    AUguri
  • o
  •  

ARCHIVIO